GIURAMENTO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO 89° CORSO

IL MINISTRO LAMORGESE IN COLLEGAMENTO PER GLI AUGURI AI NUOVI VIGILI DEL FUOCO
 

Questa mattina gli allievi Vigili del fuoco dell’89° corso hanno giurato fedeltà alla Repubblica Italiana. Una cerimonia particolare in cui i 485 allievi, nel rispetto delle misure per il contrasto al virus SARS-CoV 2, hanno giurato insieme ma a distanza, in collegamento video-streaming dai poli didattici presenti nelle Direzioni regionali. Nelle Scuole Centrali Antincendio di Roma Capannelle, in collegamento streaming con il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, davanti al sottosegretario all’Interno con delega ai Vigili del fuoco Carlo Sibilia, al capo Dipartimento dei Vigili del fuoco del Soccorso pubblico e della Difesa civile Laura Lega, al capo del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco Fabio Dattilo, hanno giurato i 45 allievi del contingente del polo Lazio.

Il messaggio del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese è arrivato ai neo vigili del fuoco direttamente dal Viminale, da dove si è collegata in videoconferenza. “Oggi è un momento importante che segna il vostro ingresso nella famiglia del Corpo nazionale. Da moltissimi anni i vigili del fuoco rappresentano una tra le Istituzioni più amate dalla gente. L’origine di questo gradimento nasce dalla relazione tra loro e il cittadino, che si stabilisce in una situazione di pericolo. Come ha ricordato il Presidente della Repubblica: attraverso i vigili del fuoco lo Stato mostra un volto amico e vicino a chi è in difficoltà”.

Il capo Dipartimento Laura Lega ha ricordato agli allievi che “le Scuole Centrali Antincendio hanno, da quasi 80 anni, il delicato compito di formare gli allievi a quella che è la capacità di affrontare le sfide che si troveranno difronte nell’esercizio della professione. La funzione delle Scuole è una funzione strategica: non si esaurisce nell’insegnare il mestiere del Vigile del fuoco, ma ha il dovere di tramandare il sistema valoriale del Corpo nazionale. Essere Vigili del fuoco significa entrare nella grande famiglia dello Stato”.

Il capo del Corpo Fabio Dattilo ha salutato i nuovi colleghi, riferendosi all’incidente di domenica della funivia a Stresa, ricordando che “ancora una volta un percorso così significativo è stato segnato da questo evento senza precedenti, ma come sempre l’immagine è emblematica: il pericolo sullo sfondo e i vigili schierati comunque. Oggi il vostro coraggio è premiato perché giurate fedeltà al nostro grande Paese. Entrate a far parte di un Corpo che Eurispes colloca sul gradino più alto del podio con l’87,7% dei consensi definendoci eroi speciali. Siete stati selezionati per un mestiere unico, in cui ogni giorno si tocca con mano il valore del Giuramento: che questa formula diventi la spinta che costantemente sostiene il vostro impegno verso la collettività”.