Storia

La diga del Vajont, l’alluvione di Firenze, l’incidente chimico a Seveso, il terremoto a L’Aquila e nel Centro-Italia: sono solo alcuni degli eventi drammatici presenti in questa sezione in cui i Vigili del fuoco hanno partecipato sempre in prima linea per portare soccorso alle persone colpite da calamità.

Le immagini pubblicate su questo sito sono di proprietà del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco. È concesso l’uso gratuito delle stesse per finalità d’informazione e pubblicazione, mantenendo il logo dei Vigili del fuoco
The images published on this site are owned by the National Fire Brigade. Free use of the images is allowed for the purpose of information and publication, maintaining the Fire Brigade logo


Sisma Ancona

Il terremoto più forte che la città di Ancona possa ricordare nella sua storia. Un sisma lungo 11 mesi, ecco come chiamare il terremoto che destabilizzò la popolazione Anconetana. Era il 25 gennaio 1972, quando un terremoto, allora stimato al settimo grado della scala Mercalli, creò il panico nella stessa città ed anche in tutti i comuni limitrofi. Da quel giorno si scateno’ una serie di scosse...

Sisma Belice

Tra il 14 e il 15 gennaio 1968 si registra una forte scossa di terremoto nella Sicilia occidentale che provoca la morte di 249 persone. Nei soccorsi si alternano sul posto circa 7.000 Vigili del fuoco, e purtroppo 4 di loro persero la vita in un crollo.

Alluvione Firenze Filmato d'Epoca

Nel 1966 la piena del fiume Arno travolge la città di Firenze. Il centro cittadino resta per giorni semi-sommerso dall'acqua e da migliaia di tonnellate di detriti e fango che danneggiano, soprattutto, il patrimonio artistico. Nella sola Firenze, tra il 4 ed il 5 novembre, vengono effettuati oltre 9.000 salvataggi. Il dispositivo del C.N.VV.F. consente di portare soccorso a circa 34.000 persone.

Diga del Vajont

Il 9 ottobre 1963 un'enorme frana precipita dal monte Toc nelle acque della diga del Vajont. Un'ondata alta 200 metri travolge immediatamente i paesi vicini: Longarone, Rivalta, Pirago, Villanova, Faè, Erto, Casso, Castellavazzo sono ridotti a cumuli di macerie e di fango. Muoiono 2.500 persone, migliaia sono i senzatetto. I Vigili del fuoco lavorano ininterrottamente per settantadue giorni,...

Alluvione Ancona

Il 5 settembre del 1959 un nubifragio eccezionale colpì Ancona. Le vittime della sciagura furono 10, i danni arrecati alla città furono tantissimi: le conseguenze più gravi del nubifragio furono subite da alcuni dei quartieri più popolari di Ancona come La Palombella, San Lazzaro e Valle Miano con tutta la vasta area della stazione ferroviaria. I Vigili del fuoco, provenienti dall’intera regione e...

Alluvione Polesine

Il 14 novembre il Po straripa, invadendo la regione del Polesine, e in pochi istanti otto miliardi di metri cubi d'acqua invadono le campagne. Il Paese si mobilita per la prima grande campagna di solidarietà del dopoguerra, i soccorsi raggiungono i luoghi del disastro da più zone d’Italia. I Vigili del fuoco lavorano per giornate interminabili portando in salvo centinaia di persone. Ma il bilancio...

Il bombardamento di Torino

13 luglio 1943, l’opera dei vigili del fuoco dopo il tremendo bombardamento che fece 792 vittime

La storia del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

L'unità d'Italia trovò, in materia di servizio antincendio, una situazione varia: ai pochi Corpi pompieristici locali a carattere volontario e limitati alle circoscrizioni comunali, facevano riscontro vaste zone, addirittura intere regioni, completamente prive di qualsiasi difesa organizzata contro il fuoco. I pompieri comunali, erano ancora organizzati con concezioni e ordinamenti antiquati e...